Questione di gusti

 

Scheda libro

Titolo: Questione di gusti
Autrice: Evelyn Storm
Lunghezza stampa: 77 pagine in formato Amazon (101 in formato A5)
Prezzo: 0,99Self Publishing

Sinossi

Benedetta, sconvolta dal tradimento omosessuale del fidanzato, è invitata dalle prozie a trascorrere una settimana di villeggiatura a Jesolo… per distrarsi dalle frustrazioni. Suggestionata dal suo improvviso “odio” verso il genere maschile, però, passa il tempo tra spiaggia e mare a fare la guerra a ben tre fratelli che le gironzolano intorno. Ma questo suo scontro aperto mette a repentaglio la possibile nascita di un qualsiasi rapporto sentimentale, finché il suo subconscio non le fa comprendere ciò che il cuore ha già capito. Perché, dopotutto, la vita è solo una “questione di gusti”.

Estratti in card

Images for entertainment purposes only.
NO COPY RIGHT INFRINGEMENT INTENDED

 

Perché leggere “Questione di gusti”?

Abbiamo intervistato Evelyn per voi!

 

  • Quando hai progettato questa storia?

Nel 2015, dopo una vacanza proprio nella località di mare descritta.

  • Sei stata ispirata da qualche lettura, vecchia o recente?

Per questo libro sinceramente no. Piuttosto l’ispirazione mi è venuta grazie alle persone reali che ho voluto inserire nella storia.

  • L’ambientazione è reale o di fantasia?

E’ reale, come ho già detto sopra. Sono stata davvero a Jesolo, quindi mi è stato facile descrivere tutto. Anche il titolo, in verità, mi è stato ispirato da una gelateria del luogo. Poi Venezia, che è nominata e descritta, l’ho anch’essa visitata, anche se penso di non poterlo più fare per via dei piccioni, di cui ho un’autentica fobia.

  • Parlaci dei personaggi e definiscili brevemente con qualche aggettivo. Qualcosa che li renda irresistibili agli occhi del lettore.

Cito solo i personaggi più importanti o essenziali per la storia. In quanto a definirli con un aggettivo, direi questo. Benedetta: tosta, diretta, diffidente e amante del bello. Nicola: simpatico, dolce, istintivo e amichevole. Erika: matura, impicciona dei fatti famigliari, affettuosa e realista. Simone: insistente, inesperto, curioso e timido, per certi versi. Alberto: fastidioso a causa della sua erre moscia, permaloso, litigioso, indisponente. Fabrizio: affascinante, con la testa sulle spalle, virile e sentimentale. Le prozie: irresistibili, acute, simpatiche e accoglienti.

  • Che cosa desideri comunicare al lettore, con questo romanzo? C’è un significato nascosto, sotto la trama?

Voglio comunicare che ognuno ha una propria famiglia con i suoi alti e bassi, ma che bisogna sempre accettarsi e volersi bene, perché gli affetti possono essere dei validi aiuti per risollevarsi anche dalla crisi più nera. Che non bisogna giudicare troppo gli altri e accontentarsi dell’apparenza, perché nessuno è senza peccato e sotto la superficie può nascondersi un mondo. Che l’amore va vissuto, se arriva, senza mettere la testa sotto la sabbia, anche perché se la vita dà una seconda possibilità, va colta.

  • Qual è il pubblico ideale, a tuo parere, per questo romanzo?

Un pubblico di donne, ma anche di ragazze giovani. Anche se può essere letto tranquillamente da chiunque, persino da quei vacanzieri che sotto l’ombrellone vogliono rilassarsi leggendo un libro non impegnativo e all’acqua di rose.

  • Hai usato una tecnica particolare, per scrivere questo romanzo?

No, a parte che è scritto in prima persona e che ho fatto iniziare la storia quando “il fattaccio” del tradimento di Benedetta era già stato compiuto, per poi descriverlo meglio e quindi tornare indietro e riprendere da quel punto, non c’è nessuna tecnica strana o particolare.

Biografia di Evelyn Storm

Evelyn Storm è blogger, scrittrice di romanzi, racconti e poesie, admin di due gruppi letterari, articolista per il blog della casa editrice Omnia One Group Editore, collaboratrice di Butterfly Edizioni e lettrice per il club dei lettori della Newton Compton. Inoltre è illustratrice, articolista, grafica e correttrice.

 

Chi ha letto questo romanzo lo promuove per

Esprimi il tuo parere e scopri quali voci hanno scelto gli altri lettori!

 

Precedente 1976 – L‘urlo dell’Orcolàt Successivo Piuttosto il diavolo