FESTIVAL DEL FUMETTO WINTER EDITION 2019

FESTIVAL DEL FUMETTO WINTER EDITION 2019

MILANO – Parco Esposizioni Novegro

salone del fumetto e del gioco

 

Il 2 e il 3 febbraio, al parco Esposizioni di Novegro, si è tenuto un grande e importante salone del fumetto e del gioco. Su un’area di oltre 20.000 mq, dislocati in ben sei padiglioni,  si sono tenute esposizioni, conferenze e momenti di gioco. Il percorso si è snodato attraverso tutto l’universo del mondo dei comics. All’interno dei padiglioni espositivi sono stati innumerevoli – migliaia, citano fonti autorevoli – i prodotti presentati:

fumetti-manga-anime-gadgets-action figures-cards-abbigliamento

padiglione A – food
padiglione B – area ludica
padiglione C – stand espositivi
padiglione D – cosplay world
padiglione E – circo dell’orrore
padiglione F – potteraduno

Noi siamo stati invitati come blogger, e sin da quando siamo arrivato siamo stati avvolti da colori, luci, musica, allegria. E dal ricordo di film che hanno segnato un’epoca e di vecchi cartoni animati che ci sono rimasti nel cuore. Ovunque si vedevano cosplayers, sempre ben felici di posare per uno scatto, e venditori d’ogni merce che riguardasse il mondo dei manga, dei fumetti e del fantasy. Fra poster e giocattoli, c’erano anche autori di romanzi, alcuni anche piuttosto rinomati, nel fantasy italiano.
Per i golosi e gli assetati, non mancavano gli stand con leccornie e Burrobirra (sapete che la Burrobirra esiste davvero, in Inghilterra, vero?)
Dopo i giri obbligatori, fra gli stand, abbiamo partecipato a una interessante conferenza con dibattito organizzata nel settore dedicato a Harry Potter. Quattro autori italiani di romanzi e di saggistica (Paolo Gulisano, Luisa Paglieri, Marina Lenti ed Emanuele Manco) hanno intrattenuto il pubblico analizzando le varie sfaccettature del fantasy mondiale e italiano, concentrandosi sulle saghe de Il Signore degli Anelli e di Harry Potter. Ne è seguito un ricco dibattito, che è stato interrotto dalla necessità di due autori di correre in stazione. Dopo i saluti,  ho posato con una bella copia del Professor Lumacorno, fingendo d’essere, per qualche secondo, una brillante studentessa di Pozioni.

Vi lascio a qualche immagine scattata la domenica pomeriggio, sperando che vi faccia respirare parte dell’atmosfera diffusa fra gli stand e i padiglioni.

 

 

 

Precedente L’uomo nell'ombra Successivo Harem