Dietro le apparenze

 

DIETRO LE APPARENZE

Di

Marzia Astorino

 

  • Formato: Formato Kindle
  • Lunghezza stampa: 244
  • Editore: Edizioni Leucotea (28 aprile 2017)
  • Lingua: Italiano
  • Prezzo: 5,99 euro
  • Prezzo cartaceo: 17,90 euro

 

PER APPROFONDIMENTI E ACQUISTO: QUI

 

SINOSSI:

 

Anna, la protagonista narrante, tenace giornalista di cronaca, insegue la verità sul caso di Roberta, una donna mite accusata di uxoricidio. Insieme a Matteo, amico e collaboratore di sempre, indagherà su quell’apparente matrimonio perfetto, cercando di entrare nella mente della donna caduta in stato di shock.
Questo caso e l’inaspettato messaggio su Facebook di una compagna di liceo che non sente da anni, cambieranno per sempre la sua vita. Un semplice incontro farà incrociare le vite di quattro donne ormai trentacinquenni. Universi femminili che si scontrano, si ritrovano e si aiutano a superare i propri conflitti. Anna, divisa tra l’amore per la famiglia e la voglia di libertà, Samantha afflitta dalle sue pene d’amore, Alessandra nell’estenuante ricerca di un figlio e la bellissima Silvia intrappolata nella sua gabbia dorata. Con le loro storie vi condurranno fino alle ultime pagine in cui tutto ciò che pareva risolto si riapre.

 

 

ESTRATTO:

 

Capitolo 14

Quel pomeriggio cercai di staccare un po’ la spina, anche se era tremendamente difficile non pensare a quella donna e a quello che le era accaduto. Una donna solare, felice, onesta, pronta ad aiutare il prossimo che si era trasformata in un essere incapace di amare se stessa e pronta a darsi la colpa di qualsiasi cosa, prima di tutto del fatto di non essere abbastanza per l’uomo che amava. Come si poteva vivere così ogni giorno, come si poteva stare al fianco di una persona che ti ha sposato, ti ha promesso di amarti e onorarti, di starti accanto, di renderti felice, che invece si trasforma in maniera subdola nel tuo peggior nemico. Un uomo che diventa violento, che prima ti insulta, ti svilisce, poi passa a una spinta, a stringerti il braccio e poi finisce col colpirti per farti male. Come si può sopravvivere a questo? La casa, la famiglia, dovrebbero essere i punti focali della serenità di una persona, il ricovero dopo una giornata di mille avvenimenti, e invece diventano le tenebre in cui ci si ritrova ogni sera e ogni mattina al risveglio.  Tenebre che ti si insinuano nell’anima e che non ti fanno essere più te stessa.
Il vagabondare dei miei pensieri mi portò alla condizione delle donne, a quello che era cambiato dal passato. Ieri matrimoni che rispecchiavano la frase del rito finché morte non ci separi nonostante eventuali umiliazioni o addirittura botte, oggi separati alla prima discussione perché troppo complicato capire i bisogni e le necessità di un altro essere umano, vivere insieme a qualcuno che dovresti rispettare e amare. Pensai alle mie amiche, alle loro vite così diverse. Silvia con il mondo ai piedi, ricca, famosa, con un uomo bellissimo al fianco, ma era felice? A vederla sembrava di sì, ma la troppa ostentazione a volte non nasconde altro? Mi accorsi di sorridere. No, non Silvia, lei aveva veramente tutto. Samantha nel suo mondo che proteggeva con le unghie e con i denti, come se avesse paura di uscire da quel guscio che, ero sicura non la soddisfacesse, ma almeno la proteggeva da qualcosa di nuovo, qualcosa che non conosceva e che la spaventata a tal punto da rimanere legata a una situazione che in cuor suo sapeva non renderla felice. E Alessandra, la nostra realizzata donna in carriera che invece ambiva a una famiglia, una con dei bimbi schiamazzanti a riempire il silenzio di una casa troppo perfetta.

 

Perché leggere il romanzo? 

Esploriamolo assieme all’autrice!

  • Quando hai progettato questa storia?
  • Alcuni anni fa durante una vacanza estiva, dopo un messaggio arrivato da una cara compagna di scuola per ritrovarsi, proprio come l’incipit del mio libro.
  • Sei stato ispirato da qualche lettura, vecchia o recente? Hai qualche modello di riferimento, per scrivere i tuoi romanzi?
  • Tutti i libri che leggo mi ispirano, dai classici ai contemporanei, gli autori mi lasciano qualcosa di cui faccio tesoro. Tra i miei autori preferiti Dino Buzzati, Italo Calvino o contemporanei come Donato Carrisi, Patricia Cornwell e molti molti altri ancora
  • L’ambientazione è reale o di fantasia?
  • L’ambientazione è reale e veritiera, anzi, è un bel rimando a chi abita tra Lissone, Monza e Milano in quanto ci si ritrova nei luoghi del libro
  • Parlaci dei personaggi e definiscili brevemente con qualche aggettivo. Qualcosa che li renda irresistibili, agli occhi del lettore.
  • Anna, la protagonista narrante è tenace, forte, un’amabile rompiscatole che arriva a scoprire le verità del romanzo, Samantha è l’eterna bambina che ha paura di crescere, Alessandra è un tenace avvocatessa che nella vita privata sprofonda nei suoi demoni e la bellissima Silvia appare la più forte, ma sarà davvero così? E poi c’è Roberta, una donna mite che ha ucciso il marito a sangue freddo. Quale sarà stato il motivo che l’ha portata a questo gesto drammatico?
  • Che cosa desideri comunicare al lettore, con questo romanzo? C’è un significato nascosto, sotto la trama?
  • Il romanzo si intitola “Dietro le apparenze” e ciò che voglio comunicare al lettore attraverso le mie protagoniste è che è bene non fermarsi al primo strato, alla prima impressione, a ciò che si vuole vedere, all’apparenza a cui questa società di oggi ci sta abituando.

 

BIOGRAFIA AUTORE

Marzia Astorino è nata nel 1976 a Monza e vive in una cittadina della Brianza, Lissone. Diplomata in ragioneria, lavora nel settore amministrativo di un’azienda farmaceutica. Romanzo d’esordio “Emma” 2006, “Diario Endometriosi-Mai più sola” 2008/2014, “Un posto chiamato casa” 2014.

PREMI E MENZIONI

  • Nel maggio del 2008 vinco il Primo Concorso estemporaneo di racconto breve nel Comune di Vercurago con il racconto “La mia vita segreta in Second Life”.
  • A dicembre 2016 vengo premiata nel Premio Letterario “Gianfranco Straparola” – Città di Caravaggio con il racconto “Il lungo viaggio”.
  • Lo stesso racconto viene premiato nel Febbraio ’17 nel Concorso Letterario “Racconti Lombardi – Historica Edizioni e pubblicato nella stessa raccolta di racconti.
  • Nel giugno 2017 ho ricevuto una menzione al merito per il libro “Diario Endometriosi – Mai più sola” da Alessandro Quasimodo all’interno del premio Artistico – letterario “Maria Cumani Quasimodo”.
  • Nel novembre 2017 il racconto “La Grotta dell’orso” viene premiato nel Concorso Letterario “Lombardia Segreta” – Historica Edizioni e pubblicato nella stessa raccolta di racconti.
Precedente Elli Successivo GLI EROI DI VIA FANI