Stupefacente Banalità

Stupefacente Banalità,

di Pitti Duchamp.

 

Editore: Dri Editore
Genere: Contemporaneo
Formati disponibili: ebook 2.99/ cartaceo 14.99

 

Sinossi:

 

«Vuole essere trattata come una donna o come un cliente?»
«Come cliente, ci mancherebbe!» rispose Mimì senza guardarlo negli occhi.
«Peccato, mi sarebbe piaciuto di più che avesse scelto la prima opzione.»

 

SINOSSI

Lui è il manager di punta di un’azienda produttrice di macchinari agricoli, malato di lavoro. Lei una ex modella con figlio problematico a carico, che tenta di riciclarsi nel mondo dell’agricoltura senza la minima preparazione. Lui fa della calma e del sangue freddo le sue migliori virtù, lei dell’ansia il suo peggior difetto. Tra ricordi dolorosi che affiorano inesorabili dal passato, crisi post adolescenziali di un figlio cresciuto senza padre e problemi economici di ogni sorta, una storia solo apparentemente banale si fa strada tra le piante di ulivo della nostra splendida toscana, diventando piano piano… stupefacente!

 

La parola all’editore:

La nostra brava Pitti, dopo l’incredibile successo del suo regency Frittelle al Miele, accetta la sfida che le abbiamo proposto e ci regala questo magnifico romance contemporaneo, che siamo sicuri vi rapirà fin dalle prime battute.

 

 

Precedente Errore di prospettiva Successivo Premio di poesia Aronte - Scadenza mercoledì 20 Novembre